NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Fantastic Mr. Fox

  • Titolo originale: Fantastic Mr. Fox
  • Paese: U.S.A
  • Anno: 2009
  • Regia: Wes Anderson
  • Genere: Commedia, Animazione
  • Durata: 87 min.
  • Cast: G. Clooney (Mr. Fox), M. Streep(Felicity Fox), J. Schwartzman (Ash Fox), B. Murray(Badger), W. Wolodarsky (Kylie), E. C. Anderson(Kristofferson), M. Gambon (Franklin Bean), W. Dafoe (Rat), O. Wilson(Coach Skip)
  • Sceneggiatura: W. Anderson, N. Baumbach
  • Soundtrack: A. Desplat
  • Fotografia: T. Oliver
  • Montaggio: A. Weisblum
  • Distribuzione: 20th Century Fox
  • Uscita in sala: n.p.
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: Dodici anni dopo la promessa che fece a sua moglie di abbandonare la professione di cacciatore di pennuti, Mr. Fox, ora infelice giornalista, decide che è arrivato il momento di dare una svolta alla sua vita. Così si trasferisce su un albero in superficie ed essendo a corto di soldi opta per un ritorno al suo vecchio lavoro, ma quello che non sa è che i tre fattori che sta cercando di derubare sono davvero agguerriti.
  • Voto redazione:
Vota il film:
(2 Voti)

Scritto da Lorenzo Donnini

- Noi siamo diversi, lo siamo tutti. E lui in particolare. Ma in questo c'è qualcosa di fantastico, non ti pare?
- A me no, io preferirei essere un atleta.

 

Riepilogando, per realizzare un perfetto film "alla Wes Anderson" occorrono i seguenti ingredienti: 1) utilizzo fotografico di colori pastello, in particolare il giallo e il celeste; 2) guardaroba dal gusto retrò ma anche sportivo, specialmente dell'Adidas; 3) occhiali, cappelli e uniformi in gran quantità; 4) giacche di velluto e pigiami da indossare in ogni occasione; 5) oggetti vintage; 6) tante valigie; 7) sviluppare una passione per gli animali; 8) leggere libri, e scriverne; 9) immagini simmetriche; 10) carrellate laterali; 11) uso del font "Futura"; 10) Bill Murray; 11) contornarsi di grandi attori provenienti da blockbuster; 12) treni, macchine, sottomarini, sidecar, funivie ecc.; 13) trama basata sulla famiglia; 14) predilezione per i piani e le fughe rocamboleschi; 15) amori improbabili; 16) uso di classici rock anni '70 e di musica francese; 17) saper ballare; 18) utilizzo frequente dello stopmotion; 19) sceneggiature che parlano della difficoltà di assumersi le proprie responsabilità. Facile infondo. Eppure c'è sempre qualcosa nei film di Wes Anderson che sfugge alle classificazioni e all'immediata comprensione. Quel qualcosa di inafferrabile che istintivamente ci attrae e ci appassiona. Sarà quell'amore che infonde ad ogni suo personaggio, o la sua incredibile capacità di raccontare storie, o ancora il suo umorismo grottesco e nostalgico.


Quello che è certo è che ogni film di Anderson è sempre un evento da non perdere. Un evento come lo fu nel 2009, il sesto lungometraggio del regista texano e prima sua incursione nel cinema d'animazione, Fantastic Mr. Fox. Un film che solo a prima vista sembra lontano dalla sua precedente filmografia, ma che in realtà rispecchia forse più di tutti la poetica, l'estetica e la sintesi narrativa di Anderson. Tratto dal raccontino di Roald Dahl, "Furbo, il signor Volpe" e sceneggiato con Noah Baumbach, la pellicola riassume infatti in unico lavoro tutti i vezzi e i "manierismi" sopra elencati, senza però limitarsi a questi. Ne risulta un cartone animato (nel senso più bello del termine, che fa riferimento all'artigianalità del prodotto) che solo in superficie si rivolge ai bambini, perchè dentro ci sono argomenti tutt'altro che infantili come la difficoltà dei rapporti coniugali, il lavoro, la gestione dei figli, l'adolescenza. Ma soprattutto un inno alla diversità e alla riscoperta della propria natura come uniche vie per una vita insieme. Un messaggio che il regista sembra in qualche modo dire a se stesso perché c'è qualcosa di poetico e insieme di politico nel continuare imperterrito con il suo personalissimo percorso artistico, nonostante le critiche. Un percorso coerente, fedele a se stesso, che pur aprendosi alle novità conserva meravigliosamente un sapore indie e da b-movie. Un percorso inimitabile.

 

Voti della redazione

 

Media voti Cinema Bendato

Lorenzo Donnini

8

 

Alessia Paris

Greta Colli

 

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 
       

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.