NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un gelido inverno

  • Titolo originale: Winter's Bone
  • Paese: U.S.A.
  • Anno: 2010
  • Regia: Debra Granik
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 100 min.
  • Cast: J. Lawrence (Ree Dolly), J. Hawkes (Teardrop), K. Breznahan (Little Arthur), D. Dickey (Merab), L. Sweetser (Gail), T. Taylor (Mike Satterfield), G. Dillahunt (Sceriffo Baskin), S. Lee (April)
  • Sceneggiatura: D. Granik, A. Rosellini
  • Soundtrack: D. Hinchliffe
  • Fotografia: M. McDonough
  • Montaggio: A. Gonçalves
  • Distribuzione: Bolero Film
  • Uscita in sala: 18.02.10
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: Ree ha diciassette anni ed è alla disperata ricerca del padre, scomparso dopo aver impegnato la casa di famiglia per pagarsi la cauzione. Se l'uomo non si presenterà al processo, la ragazza, la madre malata e i due fratelli più piccolo saranno costretti a lasciare la loro terra senza sapere dove andare. Scontrandosi contro il muro di omertà, menzogne, sotterfugi e minacce innalzato dalla famiglia e dai vicini, la ragazza arriverà a mettere a repentaglio la sua stessa vita pur di salvare i suoi.
  • Voto redazione:
Vota il film:
(5 Voti)

Scritto da Alessio Rocco

Magari ce ne danno un po' anche a noi. - Forse. - E se glielo chiediamo? - Non chiedere mai quello che ti dovrebbero offrire.

 

Gli Stati Uniti d'America. Una nazione immensa, estremamente eterogenea, formata da regioni diversissime. Eppure, troppo spesso questo paese viene identificato con tappeti rossi, spiagge di Miami e Beverly Hills. No, gli U.S.A non sono solo questo. Esiste una gelida provincia, dove la vita segue regole primordiali e non regala niente a nessuno.

È questo lo scenario del crudissimo thriller "Un gelido inverno", vincitore nel 2010 del premio della giuria al Sundance Festival (il più importante festival di cinema indipendente americano, spesso trampolino di lancio per palcoscenici più noti).

Siamo nel nord del paese, precisamente tra le montagne del Missouri. La protagonista (una già allora credibilissima Jennifer Lawrence) si chiama Ree, e a soli 17 anni deve prendersi cura di due fratelli minori e della madre, caduta in uno stato di depressione e totale indifferenza. Come se non bastasse, il padre della ragazza, coinvolto nello spaccio di metanfetamine, impegna la fattoria per pagarsi la cauzione e uscire di prigione, sparendo poi nel nulla. Se il padre non si presenterà al più presto in tribunale, la casa verrà confiscata. Ree, spinta dalla disperazione di non poter più accudire la famiglia, si mette alla ricerca dell'uomo e affronta la diffidenza e la violenza dell'intera comunità, per tenere unito quello che resta della sua famiglia.

Estremamente crudo e realistico, il thriller di Debra Granik descrive in maniera impeccabile l’inquietante e primordiale entroterra americano, dove non è permesso rivelare violenze e soprusi agghiaccianti alle autorità, pena la morte. Il contesto è molto drammatico e la pillola non viene mai addolcita, ma ciò che ci piace sottolineare maggiormente è la costante tensione che avvolge la pellicola. La determinazione e la forza di volontà di Ree coinvolgono lo spettatore, trasmettendo la sensazione che la posta in gioco sia altissima. Il finale poi, è semplicemente perfetto.
 

Il paesaggio provinciale è stato negli ultimi anni teatro di alcune ottime produzioni nel campo delle commedie amare come Lars e una ragazza tutta sua e del drammatico Blue valentine ma raramente si sono visti thriller così eccezionalmente radicati nel luogo di ambientazione, perché la fantascienza (con ottimi risultati) e la politica hanno monopolizzato il genere.

Nel cast spicca, oltre alla citata star nascente Jennifer Lawrence, John Hawkes nei panni dello zio Teardrop, miglior attore non protagonista agli Indipendent Spirit Award e candidato all'oscar. Per gli amanti del cinema indipendente, crudo e spietato, questo è un titolo imperdibile, capace di attirare le attenzioni anche dei circuiti cinematografici più prestigiosi (4 nomination agli oscar), a dimostrazione del fatto che la qualità vince sempre, al di la di ogni catalogazione possibile.

 

Voti della redazione

 

Media voti Cinema Bendato

Alessio Rocco

8

 

Alessia Paris

 

Greta Colli

7½

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

       

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.