NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Galleria fotografica

Video

127 Ore

  • Titolo originale: 127 Hours
  • Paese: U.S.A. / Gran Bretagna
  • Anno: 2010
  • Regia: Danny Boyle
  • Genere: Drammatico, Biografico
  • Durata: 94 min.
  • Cast: J. Franco (Aron Ralston), K. Mara (Kristi), A. Tamblyn (Megan), T. Williams (Padre di Aron), K. Burton (Madre di Aron), L. Caplan (Sonja Ralston), P. Jan Brugge (Eric Meijer)
  • Sceneggiatura: D. Boyle, S. Beaufoy
  • Soundtrack: A. Rahman
  • Fotografia: E. Chediak, A. Mantle
  • Montaggio: J. Harris
  • Distribuzione: 20th Century Fox
  • Uscita in sala: 25.02.11
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: 127 Ore racconta la vera storia di Aron Ralston, l’alpinista americano divenuto tristemente famoso per essere rimasto imprigionato da una frana nel corso di una scalata nello Utah dalla quale si liberò dopo quasi cinque giorni amputandosi da solo il braccio rimasto intrappolato.
  • Voto redazione: 7-
Vota il film:
(4 Voti)

Scritto da Alessia Paris

127 ore di James Franco.


127 Ore
è la vera storia di Aron Ralson, l’alpinista americano divenuto spiacevolmente famoso a seguito dell’incidente che lo vide imprigionato da una frana durante una scalata nello Utah dalla quale riuscì a liberarsi dopo circa cinque giorni (127 ore) amputandosi con un coltellino il braccio rimasto incastrato in un masso.


Aron Ralson, ragazzo amante dello sport e della libertà estrema – fisica e anche relazionale – è interpretato dal sempre bellissimo (eh sì, lasciatemelo dire) e bravo James Franco: protagonista a 360° di questa pellicola, che riesce con le sole espressioni del volto a definire i tratti di un personaggio contraddittorio, creando uno scontro tangibile tra frustrante immobilità e desiderio d’azione e libertà. Danny Boyle sembra, con 127 Ore, non voler arrendersi ad una storia già di per sé ‘potente’ – a mio parere gestita non al massimo del suo potenziale dalla sceneggiatura – e cerca quindi di stupire il suo pubblico con invenzioni registiche. Ma ci riesce a tratti. Per esempio, nonostante non ci conceda nulla di nuovo, trovo molto riuscito il montaggio audio/video del botta e risposta tra un ipotetico telecronista e l’Aron Ralson intervistato direttamente da sotto al buco.

 

Tuttavia, che Danny Boyle fosse bravo, nessuno lo metteva in dubbio, ma proprio per questo forse potevamo pretendere qualcosa di più. Una bella fotografia di E. Chediak e A. Mantle, un ottimo montaggio in grado di concedere al film la tensione che come importanza filmica, in questo specifico caso, deve necessariamente prendere il posto del ritmo, lento per necessità narrativa. Molto deludente il finale, che sembra sottovalutarci un po’ tutti.

 

In conclusione un film discreto, ma le aspettative non vengono del tutto ripagate.

 

Voti della redazione

Media voti Cinema Bendato

Alessia Paris

 

Greta Colli

7

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.