NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

8 donne e un mistero

  • Titolo originale: 8 femmes
  • Paese: Francia
  • Anno: 2002
  • Regia: François Ozon
  • Genere: Musicale, Giallo
  • Durata: 111 min.
  • Cast: C. Deneuve (Gaby), F. Ardant (Pierrette), I. Huppert (Augustine), E. Béart (Louise) V. Ledoyen (Suzon), D. Darrieux (Mamy), L. Sagnier (Catherine), F. Richard (Madame Chanel)
  • Sceneggiatura: F. Ozon, M. de Van
  • Soundtrack: K. Levy
  • Fotografia: J. Lapoire
  • Montaggio: L. Bawedin
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Uscita in sala: 17.10.02
  • Visione in v.o.: Consigliata assolutamente
  • Trama: In una villa di campagna isolata dalla neve si riuniscono per il Natale otto donne; ma il padrone di casa, Marcel, giace nella propria camera con un coltello conficcato nella schiena. Tutte le presenti sono sospettate; ciascuna di loro aveva un valido motivo per desiderare la morte di Marcel: la moglie Gaby, le due figlie, l’anziana suocera, la cognata Augustine, la sorella Pierrette e le due domestiche. Solo una di loro è colpevole: quale?
  • Voto redazione: 8-
Vota il film:
(1 Vota)

Scritto da Carlo Crotti

Per non essere soli facciamo cinema, ci innamoriamo di un ricordo, di un’ombra, di qualsiasi cosa.

 

Dopo aver portato sullo schermo una pièce inedita di Fassbinder (Gocce d'acqua su pietre roventi), François Ozon omaggia la Hollywood in Technicolor degli anni Cinquanta di cui Douglas Sirk e George Cukor furono i più importanti esponenti con le loro commedie sofisticate e i melodrammi che spesso riunivano cast interamente al femminile.

 

Lo stesso fa Ozon, aggiungendo da una parte una componente thriller che rende il tutto più accattivante e coinvolgente e dall’altra 8 numeri musicali che ci riportano al francese Jacques Demy, di cui Ozon utilizza due attrici protagoniste di Josephine, Danielle Darrieux e Catherine Deneuve, anche qui nei ruoli di madre e figlia. E che dire dell’incontro tra la Deneuve e l’Ardant, simboli del cinema di Truffaut che qui si ritrovano in uno scontro che termina con un bacio? Pure le canzoni scelte sono un monumento alla cultura francese, con Danielle Darrieux che canta i versi di Aragon su musiche di Georges Brassens, Isabelle Huppert che reinterpreta magnificamente Françoise Hardy, Catherine Deneuve che seduce con le parole di Sylvie Vartan e Firmine Richard che regala la più bella e straziante performance del film sulle note di un testo già cantato da Dalida.

 

Le citazioni insomma non si contano, ma al di là del piacere cinefilo che può derivare dalla visione, il film offre un ottimo concentrato di suspense, dramma e musical, ricchissimo di colpi di scena e interpretato da una squadra di attrici superlative appartenenti a quattro generazioni diverse. Si parte dalla Darrieux, classe 1917, alle Sagnier, classe 1979, passando per le icone Deneuve e Ardant: davvero il meglio del cinema francese al femminile.

 

Ozon si rivela ottimo nel delineare i ritratti femminili, come poi confermerà con la sua prolifica carriera e con questo film finalmente raggiunge a livello internazionale l’attenzione della critica e del pubblico. Un’attenzione più che meritata per un film quasi perfetto sotto ogni punto di vista, monumento alla cultura francese e alla Hollywood degli anni ’50, divertissement magnificamente progettato in cui tutti gli elementi dell’ingranaggio cinematografico funzionano perfettamente.

 

E la futura carriera di Ozon, (che conta, fra i tanti titoli Ricky - Una storia d’amore e di libertà e Potiche - La bella statuina) confermeranno un talento che qui si palesava per la prima volta dopo tre titoli non del tutto convincenti.

 

Voti della redazione

 

Media voti Cinema Bendato

Carlo Crotti

8½ 

 

Alessia Paris

 

Greta Colli

7

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

       

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.