NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Addio alle armi

  • Titolo originale: A farewell to arms
  • Paese: USA
  • Anno: 1932
  • Regia: Frank Borzage
  • Genere: Drammatico, Sentimentale
  • Durata: 78 min.
  • Cast: G. Cooper (Frederic Henry), H. Hayes (Catherine Barkley), A. Menjou (Maggiore Rinaldi), M. Phillips (Helen Ferguson)
  • Sceneggiatura: O. Garrett, B. Glazer
  • Soundtrack: H. Hand, W. Harling, B. Kaun, J. Leipold, P. Marquardt, R. Rainger, M. Roder
  • Fotografia: C. Lang
  • Montaggio: O. Lovering
  • Distribuzione: n.p.
  • Uscita in sala: 8 dicembre 1932
  • Visione in v.o.: Se ne può fare a meno
  • Trama: Sul fronte del Piave, durante la prima guerra mondiale, sboccia l’amore tra l’infermiera inglese Catherine e il tenente americano Frederic. Lei rimane incinta e scappa in Svizzera. Lui diserta pur di raggiungerla, ma quando arriva è troppo tardi.
  • Voto redazione: 7
Vota il film:
(5 Voti)

Scritto da Antonella Buzzi

“Ho paura perché a volte credo che morirò in mezzo alla pioggia... e a volte credo che ci morirai tu.”

 

Tratto dall’omonimo romanzo di Ernest Hemingway pubblicato nel 1929, Addio alle armi di Frank Borzage, uscito nelle sale americane nel 1932, subì in Italia la stessa sorte riservata al romanzo, poiché fu censurato durante il regime fascista.
Basati sulla vita dello scrittore americano, sia il romanzo originale che la sua versione cinematografica costituiscono una testimonianza rara e preziosa dell’esperienza vissuta durante la prima guerra mondiale dai soldati di trincea.
 

Tuttavia, chi conosce l’opera di Hemingway non può non notare il forte ridimensionamento che nel film di Borzage subiscono i valori antimilitaristici e anticonformisti che pure pervadono il romanzo.
 

Da un lato, infatti, la guerra rimane uno sfondo indistinto nel quale si muovono i protagonisti, mentre la disfatta italiana a Caporetto è appena accennata; dall’altro lato, Frederic e Catherine decidono di convivere solo dopo una parvenza di matrimonio celebrato dal sacerdote dell’esercito italiano. Anche la diserzione da parte di Frederic non è pienamente consapevole, dettata unicamente com’è dalle ragioni del cuore e non anche dal crollo di ogni qualsivoglia ideale romantico sulla guerra.
 

Ciononostante, il film rimane una delle migliori trasposizioni cinematografiche di sempre di Addio alle armi, grazie ad una storia d’amore struggente e appassionante tra due giovani Gary Cooper ed Helen Haynes, costretti come sono nelle loro uniformi, eppure espressivi di tutto il loro fascino.
 

In un mondo che da circa un decennio era uscito dalla Grande Guerra e si apprestava ad entrarne in una ancora più grande, il film di Frank Borzage, seppure limitato dalla morale del tempo, non esita a invitare a riflettere sulla distruzione che la guerra porta con sè, pronta a dividere famiglie e a troncare le speranze di giovani innamorati.
 

Il film vinse due premi Oscar, per il miglior montaggio e per la migliore fotografia. Vanta, inoltre, due remake, Addio alle armi del 1957, diretto da Charles Vidor, con protagonisti Rock Hudson e Jennifer Jones, ed Amare per sempre del 1996 di Richard Attenboroug, con Sandra Bullock e Chris O’Donnell.

 

Voti della redazione

 

Media voti Cinema Bendato

Antonella Buzzi

 

Alessia Paris

 

Greta Colli

 

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

       

______________________________________________________________________________

» NEGOZIO ON-LINE ERMITAGE.IT




Addio alle armi 
di Frank Borzage
è disponibile in DVD: clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.