NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

A Dangerous Method

  • Titolo originale: A Dangerous Method
  • Paese: Gran Bretagna / Germania / Canada
  • Anno: 2011
  • Regia: David Cronenberg
  • Genere: Drammatico, Thriller
  • Durata: 93 min.
  • Cast: K. Knightley (Sabina Spielrein), M. Fassbender (Carl Jung), V. Mortensen (Sigmund Freud), V. Cassel (Otto Gross), S. Gadon (Emma Jung), K. Palm (Martha Freud)
  • Sceneggiatura: C. Hampton
  • Soundtrack: H. Shore
  • Fotografia: P. Suschitzky
  • Montaggio: R. Sanders
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Uscita in sala: 30.09.11
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: La brillante e tormentata Sabina è la causa di un profondo conflitto tra Freud e il suo allievo Jung che, proprio in quegli anni, stavano fondando le basi della psicanalisi.
  • Voto redazione:
Vota il film:
(1 Vota)

Scritto da Alessia Paris

Film di Cronenberg senza Cronenberg. O almeno senza quel Cronenberg che ricordiamo.

 

In A Dangerous Method, presentato alla 68° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, la viscerale ossessione per i corpi consolidata nel tempo e nei film dell’autore si tramuta nell’interesse per le ossessioni della mente. Tratta infatti dello sviluppo della psicanalisi l’ultimo film del regista canadese, e nello specifico del rapporto tra Freud, Jung e Sabina, prima paziente e poi allieva dello psicanalista svizzero. Durante il corso del film ripercorriamo gli eventi che hanno legato gli studi del fondatore della psicanalisi Sigmund Freud a quelli del suo più grande sostenitore Carl Gustav Jung,  per osservare la nascita dei loro scontri scientifici e per giungere infine all’allontanamento definitivo dei due scienziati.

 

La pellicola affronta un tema affascinante che si dimostra in grado di catturare l’attenzione dello spettatore, ma al contempo mantiene un ritmo piatto e costante per tutta la sua durata senza essere davvero capace di sorprendere. Ruolo estremamente difficile quello di Keira Knightley, che tuttavia – a eccezione di qualche esasperazione – riesce a gestire in modo abbastanza dignitoso.

 

Sufficiente. Il ragazzo ha studiato ma non applica al pieno le sue capacità.
 

Voti della redazione

Media voti Cinema Bendato

Alessia Paris

 

Greta Colli

 

Noa Persiani

Lorenzo Bottini

7

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.