NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Alì ha gli occhi azzurri

  • Titolo originale: Alì ha gli occhi azzurri
  • Paese: Italia
  • Anno: 2012
  • Regia: Claudio Giovannesi
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 100 min.
  • Cast: N. Sarhan (Nader), S. Rabatti (Stefano), B. Apruzzesi (Brigitte), C. Sarhan (Padre di Nader), F. Mouhaseb (Madre di Nader)
  • Sceneggiatura: C. Giovannesi, F. Gravino
  • Soundtrack: C. Giovannesi, A. Moscianese
  • Fotografia: D. Ciprì
  • Montaggio: G. Trepiccione
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Uscita in sala: 15.11.12
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: Ostia, il lungomare di Roma, inverno. Due ragazzi di sedici anni, alle otto del mattino, rubano un motorino, fanno una rapina, e alle nove entrano a scuola. Nader e Stefano: uno è egiziano ma è nato a Roma, l’altro è italiano ed è il suo migliore amico. Anche Brigitte, la fidanzata di Nader, è italiana, ma proprio per questo i genitori del ragazzo sono contrari al loro amore. Nader allora scappa di casa. Alì ha gli occhi azzurri racconta una settimana della vita di un adolescente che prova a disubbidire ai valori della propria famiglia. In bilico tra l’essere arabo o italiano, coraggioso e innamorato, come il protagonista di una fiaba contemporanea, Nader dovrà sopportare il freddo, la solitudine, la strada, la fame e la paura, la fuga dai nemici e la perdita dell’amicizia, per tentare di conoscere la propria identità.
  • Voto redazione: 7
Vota il film:
(3 Voti)

Scritto da Greta Colli

Ancora con quelle lenti azzurre?


Alì ha gli occhi azzurri è un film che va inserito nella categoria dei film-realtà. È sì una storia di finzione, ma rappresentata in pieno quelli che sono i canoni e le regole che prediligono il genere del docu-film: macchina a mano e suono in presa diretta.
 

Utilizzando come ambientazione il litorale di Ostia, Giovannesi porta sulla scena la storia di Nader, ragazzo egiziano nato in Italia che passa le sue giornate nella sterminata ricerca della propria identità. Nader fa parte della massa, dei giovani d’oggi nati e cresciuti in periferia, ma nonostante sia ormai parte integrante del marchingegno italiano, sente il peso della diversità non riconoscendosi fino in fondo in quelle che sono le usanze di un paese pur sempre diverso dal suo, per religione e valori morali. Nader però si sente italiano o almeno così vuole far credere a se stesso e agli altri. Tenta affannosamente di sopravvivere all’adolescenza cercando di comportarsi come i suoi compagni, anche se questo vuol dire andare contro la propria famiglia. In fondo quello che vuole è vivere il più normale possibile i suoi sedici anni.

 

Italiano di nascita ma egiziano di origine, finirà per far scoppiare una vera e propria guerra d’identità con la sua famiglia, al fine di scrollarsi di dosso quelle regole islamiche che reputa deleterie e remissive per la libertà che lui vorrebbe poter vivere; quei diritti che spettano ad un qualsiasi giovane della sua età, di qualunque razza o religione esso sia.

 

Le sue lenti a contatto azzurre lo tengono al sicuro e in qualche modo lo mascherano da quella realtà da cui tenta di fuggire ma che, volente o nolente, gli appartiene e gli apparterrà per sempre. Quelle che sono le proprie origini, prima o poi fuoriescono  e solo accettandole e rendendole proprie si potrà essere in grado di riconoscersi in una qualche identità. Fino ad allora ogni azione sarà compiuta nel completo anonimato di chi non sa trovare un volto guardandosi allo specchio.

 

Claudio Giovannesi con Alì ha gli occhi azzurri, suo secondo lungometraggio, riesce a rappresentare con maestria temi difficili da gestire, facendo sì che essi acquistino una leggerezza tale da incantare il pubblico. La profondità degli occhi di Nader è difficile da dimenticare.

 

Voti della redazione

Media voti Cinema Bendato

Alessia Paris

Greta Colli

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.